Come riconoscere i soldi falsi e non farsi fregare

0
290
soldi falsi

Ne girano sempre di più: sono gli euro falsi. Tra i più diffusi ci sono i 50 euro. Può capitare a chiunque di averli nel portafoglio. Come riconoscerli ed evitare di restare fregati? Cosa fare se si scopre di avere soldi falsi?

soldi falsi

Pochi lo sanno ma ad essere falsificate non ci sono solo le banconote (le più diffuse: 50 euro e 20 euro) ma anche le monete. La falsificazione del denaro è un fenomeno controllato e contenuto ma comunque sempre diffuso, tanto che a molti, prima o poi, capita di andare a pagare e scoprire, non senza qualche imbarazzo, di avere in mano dei soldi falsi. Come fare?

Prima regola: guardare e toccare

Ci sono diverse tecniche per capire se i soldi che si hanno in mano sono falsi oppure no. Un metodo semplice è toccarli: ci sono diversi elementi in rilievo – realizzati con la tecnica della stampa calcografica – che aiutano il riconoscimento. Una banconota falsa risulta sospetta semplicemente al tocco: la carta è particolare, se si tratta di un falso si nota la differenza.

Poi ovviamente bisogna anche usare gli occhi: in alto a sinistra ad esempio c’è il numero della banconota in trasparenza ed è possibile osservarlo in controluce: una parte della cifra è sul fronte, l’altra parte è sul retro, ma le due parti combaciono perfettamente nelle banconote vere. Inoltre in quelle da 50, 100, 200 e 500 euro, il colore della cifra cambia muovendo la banconota.

I trucchi per riconoscerle

Molto importante anche il filo di sicurezza: è all’interno della carta e in controluce appare come una linea scura con la scritta “euro”. La plachetta olografica presente in basso a destra contiene l’immagine di un motivo architettonico (finestra o portale) oppure della cifra della banconote, a seconda di come lo si muove.

E’ fondamentale poi che siano presenti tutti gli elementi caratteristici degli euro: il nome della valuta, euro, scritto anche in caratteri greci (eypo); la firma del presidente della banca centrale europea, la bandiera della UE e subito a destra la serie di sigle BCE, ECB, EZB, EKT, EKP (ovvero l’acronimo della banca centrale europea nelle cinque lingue della Comunità).

E se scopriamo di avere una banconota falsa?

Se siete a casa confrontate la banconota con un’immagine da Internet: si trovano tutte le banconote a dimensioni naturali o più grandi, è sufficiente cercarle su Google Immagini.

Se invece siete fuori casa e avete un forte sospetto di avere una banconota falsa, c’è l’obbligo di consegnarle a una banca o a un ufficio postale. In seguito verranno analizzate e, se risultano false, non otterrete alcun rimborso. Avrete semplicemente perso quella banconota. Se invece non risultano falsi sarete rimborsati.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.