Borsa Milano: primo tonfo del 2015

0
47
borsa milano

Un tonfo da paura quello della Borsa di Milano che ha chiuso la seconda seduta del 2015 a -4,9%. A pesare sul listino il prezzo del greggio, l’Euro e  le  elezioni greche.

borsa milano

Vista la giornata particolare oggi  a differenza di sempre pubblichiamo l’andamento odierno della Borsa di Milano che ha lasciato sul campo una perdita pesante nella seconda seduta del 2015. Cosa ha determinato questo ribasso così violento? Il prezzo del greggio che per la prima volta è sceso sotto i 50 dollari a barile, non succedeva dal 2009, inevitabilmente una delle regine del listino italiano l’Eni   è arrivata a perdere fino a più del 8% durante la seduta. Ma sul titolo del cane a sei zampe pesano anche le tensioni in Libia dove l’azienda è presente, è un downgrade della Citibank che ha tagliato le stime del titolo, in sintesi ha consigliato di vendere Eni. ai suoi clienti.  Naturalmente tutto il comparto è andato male quindi anche Saipem che ha perso il 4,78%. Ma Eni non è stato il solo titolo che ha trascinato il listino al ribasso, molto male anche il comparto bancario dove Unicredit e Intesa San Paolo hanno perso oltre il 6%, mentre con debole segno positivo MPS ha chiuso la giornata odierna, ma sulla Banca toscana ci sono delle attese e qualche speculazione è prevedibile.

La Grecia e l’Euro

Oggi nella confusione che regna sovrana in Europa  ci si è messo anche un noto settimanale tedesco il Der Spiegel a creare  maggior tensione sui mercati; secondo la testata l’eventuale uscita della Grecia dall’Euro non sarebbe così traumatica per Berlino.  A smentire la notizia   ci ha pensato il governo tedesco, ma  questo non è bastato a calmare i mercati finanziari. La situazione della Grecia dove  ci saranno le elezioni anticipate tiene con il fiato sospeso i mercati , (anche la borsa di Atene ha subito una perdita pesante) e rischia di creare incertezze e volatilità nelle borse fino a quando non ci saranno le elezioni, ovvero il  prossimo 25 gennaio. Altra  fatto importante odierno è l’Euro, per la prima volta dopo nove anni è sceso a 1,18605 contro il dollaro, pesa l’incertezza Grecia. Come potete vedere ci sono tutti gli ingredienti per aspettarsi giornate calde e piene di tensione sulle borse europee.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.