Come risparmiare acqua nell’orto

No Comment Yet

Come irrigare l’orto di casa senza sprecare acqua, dato che non costa poco soprattutto se non si ha il pozzo? Vediamo pochi semplici consigli per bagnare l’orto e risparmiare acqua.

Se avere un piccolo orticello è un bel vantaggio e permette di risparmiare sulla spesa, va detto che il costo dell’acqua non è da sottovalutare. Soprattutto per certe piante che hanno bisogno di acqua con frequenza e in particolare nei mesi più caldi come quelli estivi. Dunque può capitare che, pur restando un’attività piacevole, l’orto casalingo diventi più un costo che un risparmio, dato che l’acqua – in particolare se non avete un pozzo – si paga. Come risparmiare? Vediamo alcuni semplici consigli per usare l’acqua al meglio, razionalizzandone l’uso e risparmiando sulla bolletta.

Non esagerare: dare l’acqua giusta con la frequenza giusta

Informatevi bene su quanto la pianta ha realmente bisogno d’acqua. Un errore che si fa quando si è inesperti è innaffiare troppo oppure troppo poco la pianta. Chiedete a chi vi ha venduto i semi o le piantine, controllate sulle buste (c’è sempre scritto), cercate su internet o sui libri. Molte piante hanno bisogno di acqua quotidiana nei mesi caldi, altre no.

Scegliete il metodo giusto per la pianta giusta

Ora, in un orto piccolo forse è inutile creare canalette di irrigazione, mette tubi per il goccia a goccia e molti altri metodi che troverete su internet o sulle guide. Però è comunque importante trovare un metodo intelligente per bagnare le piante. Dipende anche dal tipo di ortaggio, quindi vedi sopra: informatevi bene prima per capire in che modo è meglio innaffiarlo.

A prescindere dal metodo scelto, conservate l’acqua

Comprate una tanica o una piccola cisterna dove raccogliere l’acqua. E’ incredibile quanta acqua si sprechi in una casa nella vita quotidiana e ve ne accorgerete iniziando a metterla da parte. Ad esempio quella che usate in cucina per lavare le verdure, ma anche l’acqua di cottura di verdure bollite o della pasta. Idem l’acqua piovana. Raccoglietela e mettetela da parte: se il vostro orto è piccolo non avrete più bisogno di aprire il rubinetto per bagnare le piante.

Innaffiate solo nel momento giusto

Ovvero, mai quando c’è troppo caldo e troppo sole. Lo scopo è far assorbire l’acqua dal terreno nella maniera giusta, ma anche non creare shock termici nelle piante. Dunque mai con il sole alto, sempre meglio la mattina presto o – se vi alzate tardi – la sera prima del tramonto. E controllate sempre il meteo! Se la notte o la mattina dopo deve piovere, è inutile bagnare le piante.

Sfruttate la tecnica della pacciamatura

E’ semplicissima: si tratta di coprire il terreno tra una pianta e l’altra con uno strato di materiale (aghi di pino, corteccia, foglie, paglia) che renderà il terreno protetto, più umido e ombroso, trattenendo di più l’acqua e limitando la crescita di piante infestanti. E’ una delle tecniche più semplici per risparmiare acqua, dato che in questo modo il terreno resterà più umido e dunque dovrete innaffiarlo meno.

Togliete le piante infestanti

Erba, erbaccia e varie piante infestanti crescono molto velocemente, soprattutto dopo la pioggia. A parte non essere belle da vedere, il problema è che rubano acqua e sostanze nutritive alle vostre piante! Cercate di togliere sempre le piante infestanti e di tenere l’orto pulito. E’ una faticaccia, ma ne vale la pena e l’orto è anche questo.

Up Next

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.